Condividi oragiovane:      

Sussidio estivo BeeHeroes - estate ragazzi grest 2022

La cornice narrativa del sussidio estivo 2022 BeeHeroes #FratelliTutti

Sussidio estivo grest estate ragazzi 2022 BeeHeroes

BeeHeroes...che le Insettiadi abbiano inizio!!

È arrivata la primavera a Bosco Pietroso, ma non è tempo di festa per le api dell’Alveare del Tronco Secco, reame della Regina Elisabee. Qui a inizio estate si svolgerà la centesima edizione delle Insettiadi e bisogna evitare la figuraccia di quattro anni prima, quando le api non hanno vinto neanche una medaglia d’oro.

Il Comitato Sportivo Apino si riunisce al cospetto di Elisabee, che scoppia a piangere al pensiero di un’altra Insettiade in cui le api non vinceranno nessuna gara.

Secondo Bazzo, segretario del Comitato, gli avversari hanno dei campioni imbattibili; occorre molta pazienza e forse serviranno anni per diventare i migliori in una competizione delle Insettiadi.

Mentre discutono, piove dal cielo una cimice. Si chiama Roccia ed è un campione di Trottola. Gialla, amica e consigliera di Bazzo, l’aiuta a rialzarsi. Bazzo pensa che la sua caduta non sia un caso: potrebbe allenare le api a Trottola. Poi suggerisce ai colleghi di ingaggiare dei campioni delle principali specialità sportive, anche se appartengono ad altre famiglie di insetti. Magari sarà utile imparare qualcosa dagli avversari che ogni volta li battono.

La Regina Elisabee è indecisa: non è onorevole rivolgersi ad altri insetti per vincere. Però ammette che da troppo tempo scarseggiano le medaglie d’oro e questo la fa piangere. Si asciuga il naso, accetta la proposta di Bazzo e precisa che, se avranno problemi coi maestri, lui le dovrà asciugare il naso per il resto dei suoi giorni.

In base alle informazioni che ha raccolto guardando e riguardando video su BeeTube, Roccia consiglia a Gialla e Bazzo i possibili maestri da ingaggiare.

Gialla, Bazzo e Roccia, che si offre di dare una zampa, partono e raggiungono la Pianura Fangosa. Trovano Iacco, famosissimo bombo velocista. Lui non può venire all’Alveare per fare da maestro, Roccia allora gli propone di addestrare le due api a diventare maestri, qui e pra. Mostrerà quali sono gli esercizi e le tecniche migliori per la corsa e Bazzo e Gialla impareranno come allenare i propri atleti.

Iacco accetta; è severo e sbuffa, mentre insegna, scuote la testa vedendo i loro fallimenti. Spiega che il segreto sta nella posizione del corpo e non nelle ali. Gialla si demoralizza, Bazzo la rincuora.

Il maestro successivo è Zong, pulce saltatrice e patita delle feste tra i peli dei felini.

Con eleganza e dolcezza insegna alle due api come coordinarsi in maniera perfetta. Però pretende molto miele in cambio del lavoro, il problema è che così non ne avranno più per gli altri maestri.

La successiva tappa è Villa Fiorita, dove vive Ercoleo, lo scarabeo capace di sollevare il peso di ottocento scarabei.

Bazzo e Gialla imparano gli esercizi adatti ad aumentare la forza, ma capiscono che vincere sarà impossibile. Inoltre hanno esaurito il miele e devono tornare all’Alveare.

Lì si presenta, non molto tempo dopo, Formy Cantes: formica di cui nessuno conosce l’età. C’è chi sostiene che ne abbia trenta e chi quaranta, c’è chi dice che ne abbia addirittura ottanta. È leggendaria la sua capacità di sopportare fatica e acciacchi. È lei ad avere vinto le ultime edizioni della maratona alle Insettiadi.

Partono gli allenamenti: Bazzo e Gialla provano a far migliorare le api nelle varie competizioni. Accanto a loro c’è sempre Roccia, bravo a entrare in sintonia con le api, anche se ha il vizio di addormentarsi spesso, di colpo.

All’inizio del primo allenamento di salto in lungo, passa la Regina Elisabee e scoppia a piangere vedendo i risultati non eccezionali. La deve tranquillizzare Bazzo, poi Roccia la fa allontanare spruzzandosi addosso un po’ del suo specialissimo profumo.

Gli allenamenti continuano e le api dimostrano buone abilità, ma Bazzo capisce che la medaglia d’oro resterà un sogno.

Gialla dice che il problema è lo spirito. Secondo Roccia, bisogna che i maestri vengano a visitare l’Alveare; darebbe fiducia agli atleti la loro presenza.

Roccia parte e convince Zong e Iacco a vedere com’è organizzato l’Alveare. Gialla e Bazzo portano in giro gli ospiti e mostrano quanto lavoro delle operaie serve per mandare avanti la produzione di miele, c’è chi sacrifica l’intera vita in vista solo del miele; il mondo sarebbe meno dolce senza miele. Zong confessa: non lo sapeva quanta fatica costasse, Iacco si rende conto dell’abilità delle api.

Roccia riesce a portare anche Ercoleo, che assiste a un attacco di merli, alla danza delle api per aggirare i loro becchi e poi colpirli col pungiglione. È una prova di coraggio e forza che non si aspettava di vedere, capisce che c’è molta forza negli esserini gialloneri.

I giorni seguenti i maestri raccontano agli allievi la storia delle loro famiglie di insetti. Sicuramente hanno problemi diversi dalle api e non possono comprendere appieno cosa significhi essere un’ape. Ma sono comunque insetti, il più grande gruppo di animali nel mondo.

Piano piano tra maestri e allievi si genera armonia, comprensione di quali siano le possibilità in gara e complicità. Formy Cantes spinge Bazzo a tornare alle gare: dovrà essere lui a correre la maratona.

Partono le Insettiadi e le api si fanno valere, ottengono dei risultati discreti ma all’ultimo giorno sono ancora senza medaglie d’oro. Manca solo la maratona. In finale ci sono due formiche, uno scarafaggio, uno scarabeo e Bazzo.

Formy Cantes ha insegnato a Bazzo che il segreto del maratoneta sta nella gentilezza con cui posa le zampe, nella gentilezza con taglia l’aria, nella gentilezza con cui sa accogliere lo sforzo.

Sarà l’ape a vincere. Il Gran Consiglio delle Insettiadi consegna al Comitato Sportivo Apino, inoltre, la Coppa della Fratellanza: il premio speciale per avere legato tra loro diverse specie di insetti. Elisabee la dona a Roccia e nomina Gialla sua consigliera ufficiale.

Tutto l’alveare al termine della premiazione festeggerà insieme ai maestri, brindando alla famiglia degli insetti.

 

 

 
Lunedì 08 Agosto 2022
Oragiovane ONLUS - P.IVA/C.F. 04453110282 - Via degli Zabarella, 29 - 35142 Padova (PD) - info@oragiovane.it - tel. +39 049 09.64.534