Condividi oragiovane:      

Sussidio grest Zawadi: ripartire dal…DONO!

Grest Estate Ragazzi 2014: un dono per crescere insieme!

Quando si parla di “dono”, vengono alla mente molte cose.

Innanzitutto, le parole “dono”, “regalo”, “presente” richiamano qualcosa di bello e piacevole per ogni persona. I doni infatti presuppongono un sentimento di affetto verso qualcuno e gli oggetti che vengono donati lo rappresentano.

Qualche volta ci si può sentire obbligati a fare un regalo; in alcune occasioni esso può diventare anche una forma di ricatto. Ma il "dono" è veramente tale solo se è spontaneo, libero e se lascia liberi. Il dono vero è fatto con gratuità, con dis-interesse. Nel commercio c'è scambio, interesse, profitto, convenienza. I rapporti tra le persone avvengono su un altro piano, che non riduce le persone a “merce”. Il dono comporta un altro modo di pensare la vita e il mondo.

Chi dona gratuitamente libera se stesso e rende libere le persone. Chi fa esperienza del "dono" diventa più persona.
Il dono fa crescere sia chi lo fa sia chi lo riceve: il dono fa stare bene tutti!

Dare e ricevere doni ci ricorda che, in fondo, noi uomini siamo poveri perché bisognosi di tutto, ma siamo anche fondamentalmente ricchi perché capaci di dare:
- chi è “povero” sa chiedere, pregare e addirittura supplicare. Chi è povero sa ringraziare ed essere riconoscente in tanti modi. E per di più, è vigile, pronto ad ascoltare e ad accogliere ciò che gli può essere detto o offerto;
- chi è “ricco”, per essere davvero uomo tra gli uomini, deve saper diventare un fratello, solidale con gli altri, attento al prossimo, addirittura capace di prevedere i bisogni altrui.

Chi dona sa capire i bisogni degli altri.
Quando si sceglie un regalo, ad esempio, lo si sceglie in base alla sensibilità e ai gusti dell'altro oltre che ai propri. E in più il dono è più bello se suscita curiosità e sorpresa: anche le confezioni regalo hanno un loro significato! E poi un regalo, per essere tale, dovrebbe caratterizzarsi anche per la sua originalità, per la sua unicità e novità.

Ma ancora, il dono esprime gioia, felicità: “si è più beati nel dare che nel ricevere” (At 20,35). Quando si dona si rendono felici gli altri. Il dono lo si fa spesso per sottolineare dei momenti importanti, delle ricorrenze, delle feste. Il dono crea festa!
Il perdono poi costituisce un dono particolarissimo e prezioso: chi lo dà, offre qualcosa che va oltre il comune senso di giustizia: si tratta di un super-dono che rimette in moto la fiducia reciproca e la fraternità.

Va detto infine che la capacità di riconoscere i doni e di donare è presente in tutti ma va educata, formata, allenata, esercitata. Qui il valore è proprio l’allenamento, l'esercizio cui dedicarsi sia da soli sia insieme con gli altri. Il dono infatti chiede di essere… imitato: in un contesto in cui si dona gratuitamente si impara a donare e si genera una sorta di “circolarità” del dono.

 
Lunedì 10 Dicembre 2018
Oragiovane ONLUS - P.IVA/C.F. 04453110282 - Via degli Zabarella, 29 - 35142 Padova (PD) - info@oragiovane.it - tel. +39 049 09.64.534