Condividi oragiovane:      

Progetto Formativo e finalità settimanali del Sussidio Estate ragazzi 2016

“PRENDERSI CURA, “fare misericordia”, “essere misericordiosi”, per usare un linguaggio evangelico (Lc 6,36), chiama in causa la responsabilità, l’accoglienza, la tolleranza, la tenerezza, la cura, il perdono, la  magnanimità verso l'altro (il prossimo), ma anche nei confronti di se stessi e del mondo intero.

Di seguito troverete le tematiche settimanali e i precisi atteggiamenti giornalieri, pensati per metterci tutti insieme in cammino.Per questo vogliamo condividere con voi le tematiche che andremmo ad affrontare all’interno del sussidio estivo 2016 Edelon E la Porta Straordinaria. Per noi di oragiovane il grest/estate ragazzi è in primis un’opportunità educativa, che va affrontata con la giusta preparazione e formazione. Desideriamo mettere a fuoco e aver ben chiaro quali siano i punti su cui come animatori andremo ad operare durante l’estate.

1. PARTIRE

Partire per un viaggio significa essere pronti a cambiare. Quando ci si mette in cammino…

  • si inizia a rendere vero il SOGNO di una vita “buona” e “bella” per sé e per gli altri.
  • si è pronti ad ACCOGLIERE tutto ciò che la strada riserva;
  • si RISPONDE ad una richiesta che viene da lontano e dal profondo;
  • si ENTRA in una nuova prospettiva, pieni di speranza;

Finalità: Iniziare con entusiasmo l'avventura di un "cammino" personale e di gruppo.

2. CAMMINARE

Il cammino permette di crescere sia come singoli sia come gruppo:

  • all'inizio si ripone FIDUCIA in chi ci guida;
  • poi si comincia a ricevere e a dare sostegno e SOLIDARIETA’;
  • nel proprio intimo e nel gruppo matura la COSTANZA, cioè la convinzione che perseguire obiettivi belli e grandi fa crescere davvero;
  • cresce la RESPONSABILITA’ e si diventa capaci si sostenere e orientare anche altre persone.

Finalità: Sperimentare che impegnarsi è bello e costruisce il gruppo.

3. SOSTARE

Il tempo del "sostare" è il tempo in cui si fanno i conti con la propria fatica e con la fatica degli altri. È un tempo adatto per:

  • ASCOLTARE, non solo superficialmente ma, con il cuore;
  • PRENDERESI CURA del prossimo, cioè facendo concretamente azioni buone verso chi mi è vicino;
  • PERDONARE allargando il cuore con magnanimità: il perdono il dono più grande!
  • FARE FESTA con gli amici, perché la cura reciproca e il perdono fanno scaturire la gioia.

Finalità: Accorgersi che l’azione del “prendersi cura” degli altri (oltre che di se stessi e del creato) è il gesto “umano” e "umanizzante" per eccellenza.

4. RIPARTIRE

Rialzarsi e ripartire significa... continuare a credere che è possibile raggiungere la meta ma che…

  • anche dopo essere arrivati si dovrà proseguire, ANDARE OLTRE;
  • non si è da soli: una “chiave” importante per proseguire è CONDIVIDERE la gioia e la fatica; il pane e i proprie sogni;
  • FARSI PROSSIMO deve essere uno stile di vita;
  • giunti alla meta si entra per una porta che però… rimette in cammino. Arrivare è USCIRE nuovamente sulle strade della vita.

Finalità: Non accontentarsi della metà raggiunta e “uscire” nuovamente, perché siamo sempre attesi "oltre" noi stessi e nostri successi.

 
Lunedì 10 Dicembre 2018
Oragiovane ONLUS - P.IVA/C.F. 04453110282 - Via degli Zabarella, 29 - 35142 Padova (PD) - info@oragiovane.it - tel. +39 049 09.64.534